ASCOLTA RLB LIVE
Search

‘Scandalo’ depurazione nel Basso Jonio cosentino, osservatorio civico per vigilare

L’obiettivo è tutelare il mare e la salute pubblica

 

 

CROSIA (CS) – “Quello che succede ogni anno in merito alla depurazione in Calabria è allarmante e arreca un danno notevole all’economia del territorio” ha dichiarato il Presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci. “Da anni il sistema depurativo calabrese versa in uno stato di grande criticità nonostante sia stato speso oltre 1 miliardo di risorse pubbliche e a distanza di anni dall’avvio della procedura d’infrazione 2004/2034 e dalla collegata sentenza di condanna della CGUE del 19 luglio 2012 (C 565-10), continuano ad essere molti gli agglomerati non in regola. La nostra Regione è oggetto di una procedura di infrazione da parte della Commissione europea perché in 49 comuni calabresi non esiste un sistema di depurazione efficace. Si tratta, certo, di un problema annoso che riguarda tutto il territorio nazionale ma che in Calabria diventa emergenza ed ha portato ad una serie di sequestri di impianti e di problemi per gli enti locali sempre più in difficoltà di fronte ad un problema che non può essere lasciato alla sola responsabilità dei Sindaci. Le criticità dell’inquinamento delle acque del nostro mare dipendono principalmente dalle carenze infrastrutturali sulla rete fognaria e depurativa. Oltre alle carenze strutturali pesa, anche, l’inefficienza dei gestori del servizio idrico e una pianificazione d’ambito ancora incompiuta.

 

 

Tutto ciò accade nonostante le risorse disponibili e i tanti investimenti nel settore, si rende, pertanto, evidente la necessità di un monitoraggio costante e continuo del sistema integrato delle acque. Non ci si può ricordare della mala depurazione solo d’estate di fronte alla rabbia dei turisti o in seguito a episodi giudiziari come quello di Crosia. Non si può restare passivi spettatori di fronte a tale situazione che si presenta come un’emergenza strutturale. Bisogna pianificare per tempo azioni e interventi e nell’ambito delle competenze della Provincia pensiamo di poter mettere a disposizione il nostro patrimonio di competenze per dare un contributo in tal senso. Per queste ragioni accolgo con convinzione l’invito che Legambiente rivolge alla Provincia per istituire un Tavolo di confronto e un Osservatorio civico sullo stato di salute e la tutela del mare per superare tutte le criticità emerse di concerto con la Regione Calabria e la Prefettura” ha concluso Iacucci.

 

Anomalie sul depuratore sotto sequestro affidato ad un’azienda privata

Inquinamento Fiume Trionto: denunciati amministratori e tecnici comunali




Impostazioni sulla Privacy

Statistiche

Google Analytics - I cookie statistici aiutano i proprietari del sito Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Necessario

Meteogiuliacci.it - I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito Web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

_cfduid

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti Web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

d, IDE, r/collect, test_cookie

Non classificati

I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.

_app_sess, afsu, google_experiment_mod, google_pub_config

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?